Cosa vuol dire ISC?

Significato: ISC è l’acronimo di Indicatore Sintetico di Costo. Rappresenta il dato sintetico relativo all’onerosità di un finanziamento e coincide con il TAEG.

L’Indicatore Sintetico di Costo viene calcolato sommando il Tasso Annuo Nominale (TAN) applicato al prestito, le spese di istruttoria e le spese accessorie. Rientrano nella composizione dell’ISC, quindi, le imposte di bollo, le commissioni per l’incasso delle rate, i costi per l’apertura della pratica, i costi di assicurazione, i compensi riconosciuti agli eventuali intermediari e le altre spese previste contrattualmente legate all’erogazione del prestito. Non rientrano invece nel calcolo del TAEG gli oneri notarili (dovuti per la sottoscrizione dell’atto di mutuo e per l’iscrizione dell’ipoteca nel caso di richiesta di un mutuo ipotecario), gli interessi di mora, le imposte di registro e le spese previste per il recupero del credito in caso di inadempimento del debitore. L’indicatore viene espresso in percentuale e misura il costo complessivo che il debitore deve sostenere per ottenere il finanziamento.

Comment on this FAQ

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.